Uccide il cucciolo del figlio lanciandolo dalla finestra: ecco la condanna

0
743

Un 44enne romano ha lanciato dalla finestra di casa sua la cagnolina di suo figlio. E’ stato condannato, ma non per maltrattamento di animali.

Lo scorso 18 aprile aveva lanciato la povera Lilly dalla finestra: la cucciolina, una piccola Jack Russell, è morta dopo essere caduta dal settimo piano di un palazzo a Roma. A compiere questa gesto criminale è stato un 44enne romano, che ha ucciso Lilly proprio davanti agli occhi del suo proprietario, ovvero il figlio 18enne.

Sul posto sono arrivato i poliziotti, che sono stati accolti da pugni e calci, con frasi come: “Tutte ste pagliacciate, è solo un cane”. Portato in centrale, l’individuo è stato condannato con rito abbreviato ad un anno e 8 mesi, oltre alla custodia in carnere.

Pena giusta, questo si, ma solo per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento. Infatti per il reato di maltrattamento contro animali serve una denuncia della vittima, che in questo caso sarebbe il figlio, ovvero il proprietario di Lilly.

Per il momento dunque la situazione è questa. Incredibile comunque quello che è accaduto: per via dell’ennesima lite tra l’uomo e la compagna, a farne le spese è stato un povero quattro zampe che nulla ne poteva. Quando le Forze dell’Ordine sono arrivate hanno trovato il ragazzo accucciato in terra mentre stringeva Lilly in lacrime.

Secondo le ricostruzioni degli agenti l’uomo, appena ha visto le guardie, ha iniziato a minacciare: “Che c state a fa tutte ste pagliacciate. È solo un cane. Io ve sfonno a tutti. A guardie di m… Io vi ammazzo tutti. Fate schifo”. Dopo di che è partito alla carica con calci e pugni, ferendo due agenti. Alla fine è stato ammanettato grazie all’utilizzo dello spray al peperoncino, anche se l’uomo ha continuato a dimenarsi e a sputare in direzione degli agenti.

Nessuno però ha voluto testimoniare contro l’uomo. L’unico testimone oculare in commissariato non ha risposto alle domande degli investigatori. Inoltre, l’uomo è stato interrogato e ha risposto così alle domande: “Ma le pare che uccido un cane io?”. Di certo i suddetti reati per i quali è stato condannato dovranno essere scontati per forza, mentre speriamo che anche Lilly abbia giustizia.