Spinone italiano: carattere, salute, prezzo e allevamenti

0
2510

Soprannominato “il cane filosofo” per il suo sguardo pensieroso e fiero, lo Spinone italiano è un quattro zampe grosso ma estremamente tranquillo.

Lo Spinone italiano è uno dei cani più rappresentativi ed iconici del nostro Bel Paese. È una razza piuttosto antica, storicamente impiegata per la caccia. Ma al di là dei suoi “meriti” sul campo in veste di segugio si tratta di un cane dall’aspetto simpatico e dall’indole pacata: un bonaccione diciamo, dall’aria tutt’al più un po’ goffa o imbronciata.

Il suo pelo soffice, gli occhi vispi e la peculiare “barbetta” lo rendono un adorabile peluches a quattro zampe. Negli anni e nell’immaginario collettivo, lo Spinone italiano si è guadagnato diversi soprannomi, alcuni anche piuttosto buffi. C’è chi per via della barba folta e l’espressione serafica lo ha definitivo il “cane filosofo” oppure “cane poeta” o chi ha puntato di più sull’aspetto “trasandato” di questa razza chiamandolo “cane clochard”.

Non dimentichiamo inoltre che negli ultimi anni molti hanno notato una certa somiglianza con l’esimio Maestro Beppe Vessicchio! Meme a parte, lo Spinone italiano è un orgoglio Made In Italy, conosciuto, descritto e celebrato da figure illustri del passato. Ormai comunque la sua fama ha decisamente varcato in confini nazionali, rendendolo uno dei cani col passaporto italiano più esportati all’estero. Tuttavia, come vedremo, non è allevato solo in Italia.

Ma prima, proviamo a riavvolgere la bobina della Storia andando alla ricerca delle origini di questa razza. Lo Spinone Italiano, un tempo, era noto anche col nome di “Griffone”. Questo appellativo risale addirittura alla fine del 1600. Ma le prime testimonianze legate a questo razza risalgono a molto tempo prima, addirittura al mondo Latino Classico.

Il “Griffone” ovvero lo Spinone Italiano è citato da letterati celeberrimi come Senofonte e Seneca, ma anche da autori meno noti come Arriano o Nemesiano. Potreste dunque esservi ritrovati a tradurre il suo nome durante lo svolgimento di una versione di Latino al Liceo, magari in un estratto che descriveva una battuta di caccia!

Oltre alle testimonianze scritte, ce n’è almeno un’altra, piuttosto importante: questa volta però parliamo di una prova “visiva”. Nella fattispecie di tratta di un dipinto. Non un vero e proprio ritratto al cane, ma un dettaglio inserito in un’opera di più ampio respiro. Parliamo di una tela – nientemeno che – del Mantegna: un affresco, per la precisione, che oggi si può ammirare a Mantova, nella meravigliosa cornice della Sala degli Sposi del Palazzo Ducale.

Tornando alle soglie del ‘700, non possiamo non citare anche le parole che il dotto francese Sélincourt dedicava a questa razza nel suo capitale Saggio intitolato Le parfait chasseur, facendo riferimento allo Spinone ancora con l’appellativo di Griffone: “I migliori griffoni provengono dall’Italia e dal Piemonte”.

Per anni, le più illustri famiglie italiane utilizzarono questi esemplari come fidati cani da caccia. Non solo: la nomea di abile segugio si diffuse in mezza Europa e lo Spinone raggiunse l’apice della sua popolarità. Fama che tuttavia subì una drastica battuta d’arresto quando presero il sopravvento alcune altre razze”da caccia”, provenienti dall’Inghilterra.

ll nobile Griffone conobbe un periodo di oscurantismo e rischiò addirittura l’estinzione. A metà del ‘900 però, grazie al lavoro instancabile del dott. Brianzi, il destino della razza si risollevò, arrivando ai giorni nostri in lenta ma costante ascesa.

Spinone italiano: caratteristiche fisiche

Andiamo ora a delineare meglio la fisionomia dell’ex Griffone, ad analizzare il “design” dello Spinone Made in Italy. Iniziamo dal fisico, che è indubbiamente quello dello sportivo: tonico, muscoloso, scattante. Taglia grande, struttura quadrata, leve potenti.

Parliamo di una cane che un ottimo rapporto tra agilità e potenza, oltre ovviamente ad essere un corridore particolarmente aerodinamico. Non stupisce affatto, insomma, il suo successo come segugio da selvaggina. Le dimensioni sono importanti per quanto questa razza riesca a mantenersi “compatta”, senza risultare tozza.

A livello di peso oscilla tra i 30 e 40 Kg, con le femmine leggermente più snelle. Tra i maschi più capitare anche di arrivare fino ad un tetto massimo di 45 chilogrammi (rientra perciò nei cani di taglia grande). L’altezza la garrese invece è di circa 60/70 cm, regalando allo Spinone Italiano delle ottime proporzioni che gli consentono di essere un buon trottatore.

Veniamo ora alla colorazione, al manto. Il mix forse più apprezzato è quello bianco-arancione ma la gamma cromatica consentita varia dal roano-marrone al total white. Al di là del colore, cosa possiamo dire del suo mantello, del suo pelo? È molto particolare: è duro, dritto e fitto, mentre il sotto-pelo tende ad essere più diradato.

Come accennavamo all’inizio dell’articolo, la faccia dello Spinone è tutta un programma: buffa e paciosa ma anche “determinata” a suo modo, trasmesse un senso di tranquillità. Spicca ovviamente il tartufo, utilissimo per la sue attività di segugio.

Spinone italiano: carattere

Proprio da questi ultimi aspetti citati possiamo partire per delineare quello che è il carattere di questa razza. Lo Spinone italiano è un cane buono e paziente ma anche giocherellone. Ha bisogno dunque di padroni molto presenti per non farsi prendere dalla malinconia o crogiolarsi in un senso di abbandono.

È un compagno di gioco eccellente per grandi e piccini. Lo sconsigliamo però alle persone particolarmente pigre o sedentarie. A proposito: lo Spinone se la passa benissimo in appartamento, tuttavia sappiate che data la sua esuberanza tende a sporcare non poco. Valutate dunque con attenzione il tipo di casa-tana nel quale lo state accogliendo.

Una famiglia abbastanza dinamica e una casa vissuta dovrebbero formare il suo habitat naturale, tendendo sempre conto che lo Spinone ha assoluto bisogno di “sfogare” la sua indole di cacciatore attraverso passeggiate e corsette (spoiler: munitevi di un guinzaglio adeguato alla “propulsione esplosiva” del vostro amico peloso!). Una volta fatto “fitness” potrete anche godervi un po’ di relax: lo Spinone è un cane che sa anche essere molto riflessivo!

Spinone italiano: salute

Si calcola che attualmente il numero di nascite di “Griffoni” si attesti tra i 600/700 cuccioli e possiamo ragionevolmente affermare che nel complesso si tratti di una razza robusta e longeva (la vita media è 12-13 anni).

In merito alle patologie più frequenti, fate più che altro attenzione a monitorare con attenzione le orecchie, che possono dare dei problemini al cane. La dieta non richiede particolari accortezze se non – per un esemplare regolarmente attivo –  dei quantitativi adeguati che grossomodo sono: 350 grammi di carne, 250 grammi di riso o pane con verdure.

Spinone italiano: prezzo e allevamenti

Dove procurarvi uno Spinone Italiano? Oggi questa razza è allevata sia in Italia che all’estero. Partiamo capendo qualcosina di più sulla disposizione degli allevamenti sulla Penisola. Parliamo di un numero che si aggira intorno ai 30 allevamenti: non pochi dunque. Dovreste trovare senza grossi problemi l’esemplare che fa per voi.

La presenza dello Spinone è concentrata soprattutto in Lombardia e Toscana, attualmente. Ma non mancano allevamenti anche nel Lazio, in Emilia-Romagna e ovviamente anche in Piemonte (la terra sabauda è storicamente molto cara a questa razza). La lista completa è comunque consultabile sul portale ad hoc: www.spinone-italiano.it.

Dicevamo però di allevamenti anche fuori dal confine tricolore. Ebbene, la razza ha preso piede soprattutto negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, dove è regolarmente certificata e tutelata da associazioni specializzate. Ma potete trovare allevamenti anche in Paesi Bassi, Germania, Svezia, Norvegia e Finlandia.  Questo “baffuto” cane nostrano ha ormai un appeal internazionale!

Si tratta per di più di una razza non troppo cara, dal momento che un esemplare dovrebbe farci scucire dal portafoglio un cifra che oscilla tra i 500 e gli 800 euro. Che sia proprio questo gioiello Made in Italy l’amico a quattro zampe che stavate cercando?