Rogna nel cane (scabbia): tipologie, sintomi e cura

Una patologia da non sottovalutare per quanto riguarda i nostri cani è la rogna, detta anche scabbia: andiamo a vedere di cosa si tratta.

La rogna nel cane è sicuramente una delle malattie più conosciute e temute nel mondo cinofilo. Non si tratta di una patologia eccessivamente pericolosa o mortale, tuttavia può essere davvero molto fastidiosa e non deve essere presa sotto gamba.

Di cosa si tratta esattamente? Di una una tremenda irritazione della pelle. Entriamo più nel dettaglio. Innanzitutto, una nota legata al nome della malattia: spesso potrete sentire chiamare la rogna anche scabbia.

Questa patologia del derma colpisce diverse specie animali, fondamentalmente in maniera non dissimile da quanto accade tra i cani. Se non è curata adeguatamente può comportare danni anche molto gravi ai nostri amici a quattro zampe. Abbiamo detto che si tratta di una infezione della pelle, ovvero di una malattia dermatologica. Chi sono i malefici artefici di questa “piaga”? Gli acari. Volendo utilizzare il termine più dotto e scientifico potremmo parlare di ectoparassiti.

Questi ultimi si annidano all’interno del pelo dell’animale, per poi raggiungere direttamente l’epidermide. Una volta raggiunto lo strato di pelle del cane iniziano a “rosicchiarlo”: banchettano col sebo e la cheratina presenti sullo strato epidermico del nostri amico peloso e – se non ostacolati – si moltiplicano a macchia d’olio.

Se state provando ad immaginarvi questa scena, possiamo dirvi che al microscopio la situazione è grossomodo questa: ci sono questi “ragnetti” (gli acari) che normalmente vivono nel nostro ecosistema e che quando si “attaccano” ad un animale iniziano letteralmente a cibarsene. Ed è a quel punto che arriva il prurito.

Ma facciamo un passo indietro: come arrivano gli acari sul “campo di battaglia” (o forse sarebbe meglio dire “al ristorante”)? In questo articolo proveremo a fornire una panoramica sulla rogna nel cane e le sue modalità di azione e diffusione, nonché di contagio e cura. Come sempre per quanto riguarda la nostra piattaforma, ci teniamo a specificare che le nostre indicazioni non possono essere considerate alla pari delle indicazioni ufficiali del veterinario (al quale consigliamo sempre e comunque di rivolgervi).

Tornando alla disamina di questa fastidiosa patologia continuiamo col dire che la rogna/scabbia è diffusa praticamente in tutto il mondo. In genere viene trasmessa per contatto diretto con animali contagiati ma può colpire anche solo toccando degli oggetti che sono stati a loro volta toccati da ammalati.

Rogna nel cane: tipologie

Abbiamo detto che i “vettori” della malattia sono questi ectoparassiti microscopici meglio conosciuti come acari. Tuttavia occorre specificare che esistono diverse tipologie di scabbia, poiché esistono tipi leggermente diversi di acari. Quali sono le tipologie più diffuse di rogna/scabbia?

Fondamentalmente sono cinque: c’è quella Demodettica (anche detta “rossa”, ereditario e demodicosi) e che a sua volta può essere suddivisa in tre sottocategorie (localizzata, generalizzata o podermatite demodettica). Poi c’è la rogna Sarcoptica, forse la più comune in assoluto tra cani: molto rapida nella sua diffusione, resistente ai fattori ambientali e facilmente contagiosa anche per gli esseri umani.

C’è anche un tipo di rogna legata in modo specifico alle orecchie del cane: la rogna o scabbia Otodettica. In questo vedrete proprio dei “puntini bianchi” muoversi all’interno delle orecchie del nostro amico a quattro zampe. Come per le orecchie, esiste una rogna specifica per le cavità nasali: si tratta della “Pneumonyssoides caninum”. Anche la Rogna cheyletiella prevede questi “pallini bianchi” che camminano sulla cute dell’animale anche se è più diffusa tra i gatti.

La rogna viene spesso trasmessa direttamente al momento del parto e dell’allattamento: la madre infetta la passa ai cuccioli. Al di là di questo caso, più comunemente la rogna si trasmette attraverso il contatto tra vari esemplari. Ovviamente un sistema immunitario basso sarà terreno fertile per gli acari.

Ma ci sono diversi fattori che possono “contribuire all’invasione”: la scarsa igiene dell’animale, le condizioni ambientali di vita o la dieta del nostro amico peloso. In generale poi ci sono alcune razze di cane geneticamente più predisposti a contrarre questa patologia dermatologica e sono: Bulldog, Pointer, Shar Pei, Terrier, Beagle, Dalmata, Bassotto, Dobermann e Boxer.

Rogna nel cane (scabbia): sintomi e cura

In genere si tratta di “gesti” piuttosto evidenti: arrossamento della pelle, prurito e bruciore, eruzioni e squame cutanee (quando non vere e proprie ferite e piaghe), pelle secca e maleodorante, perdita di appetito, peso e pelo.

Come curare la rogna nel cane? Innanzitutto mantenendo un buon livello di igiene generale: questo vale sia per il nostro cane che per la nostra casa (o qualsiasi ambiente l’animale “viva” come casa). Nel pratico un bagnetto mensile è davvero un toccasana, soprattutto se vengono utilizzati anche prodotti di qualità per insaponare il nostro amico peloso.

Poi è bene effettuare con una certa regolarità anche disinfestazioni e vaccinazioni dal nostro veterinario di fiducia. Se avete più animali in cura dovete fare attenzione a dividere bene gli “oggetti” di entrambi per far sì che non ci continui ad infettare a vicenda.

Ultimo ma non ultimo per ordine di importanza: curare con attenzione la dieta del nostro cane. Un’alimentazione equilibrata migliora tutto il sistema immunitario! (Il cibo crudi in questo senso è particolarmente indicato: verdure e erbe, ma non solo. Indicati anche aglio kyolic, unghia di gatto ed estratto d’olio d’oliva).

Siamo tutti d’accordo che prevenire sia meglio che curare, ok, ma cosa fare in caso di contagio avvenuto? Rivolgetevi subito al veterinario, innanzitutto. Quasi sicuramente – in quanto a medicine – vi prescriverà degli acaricidi orali, topici o iniettabili. In genere i più diffusi-gettonati sono: ivermectina, selamectina o moxidectina.

Ovviamente poi saranno previsti anche degli analgesici-antiinfiammatori. Alcuni rimedi “casalinghi” che non possono assolutamente sostituire l’intervento del veterinario ma possono alleviare momentaneamente le sofferenze dell’animale (spalmando estratti o unguenti sulle parti più infette) sono, ad esempio: camomilla, avena, limone o yogurt.
Ricordatevi sempre che anche l’effetto e la dolcezza dimostrati al vostro amico – per quanto non risolvano la situazione – saranno sicuramente di conforto.

Potrebbe interessarti anche: