Peppino è rinato: la vita meravigliosa del cane sfregiato da un petardo

0
1282

Amatissimo dalla sua nuova famiglia adottiva, ora è l’immagine della gioia di vivere.

«Adottare un animale è sempre un’esperienza meravigliosa…. Adottare un amico peloso è gioia, e di gioia non ci dovremo mai privare». Un pensiero, bellissimo, che accomuna tutti i quattro zampe, indistintamente, che vengono accolti in una casa. E che potrebbe riguardare qualsiasi cagnolino, gatto e non solo che entra nella vita di chi sa apprezzarne il suo grande, inestimabile valore. In questo caso però il destinatario di queste parole, sentite e profonde, non è un animale qualsiasi. È Peppino il cane orribilmente sfregiato da un petardo infilato nel naso, alla vigilia dello scorso Natale.

Era accaduto in Molise, nelle campagne intorno a Campobasso dove era stato ritrovato sofferente e deturpato dalle volontarie dell’Apac. Che lo avevano accolto e curato amorevolmente. Tante le operazioni, le terapie, il sostegno. Fino all’adozione davvero del cuore avvenuta lo scorso aprile.

Ed è stato proprio chi lo ha fatto entrare nella sua famiglia (una giovane coppia toscana con una bambina e altri due cani) a regalargl quel bellissimo pensiero citato all’inizio. Postandolo sulla pagina Facebook dell’associazione per ringraziarla di quel grande regalo ricevuto, così importante, senza prezzo.

«Un ringraziamento speciale a Ilenia e Marialaura, adesso mie care amiche, che con dedizione, correttezza, trasparenza ed amore, si sono occupate del mio piccolino… grazie a tutti coloro che lo hanno pensato anche solo 5 minuti, grazie a coloro che con massima professionalità, lo hanno curato… » scrive Genny. Rivolgendosi alle volontarie che contraccambiano e rilanciano:  «Un saluto da Peppe e dalla sua mamma».

Sotto una foto di grande emozione che ritrae il dolce cucciolone felice al tramonto, con il mare sullo sfondo. Una maniera concreta di testimoniare la nuova, meravigliosa vita di Peppino. Semplicemente quella che lui merita. Come meritano di avere tutti gli animali.

Fonte: lazampa.it