Pastore scozzese (Collie): carattere, allevamenti e prezzo

Il Pastore scozzese, detto anche Collie, è un cane non molto diffuso in Italia anche se famosissimo: è lui (o meglio lei) il protagonista della serie Lassie.

E’ difficile non fermarsi ad ammirarlo, quando ci si imbatte in un Pastore Scozzese a Pelo Lungo (chiamato Rough Collie, o Collie in breve, nel suo paese d’origine). Dignitoso ed austero, ma allo stesso tempo con lo sguardo vivace e gentile, il lungo e bellissimo pelo lo rendono facilmente riconoscibile, anche grazie al successo della serie di film, telefilm e libri usciti dal 1943 in poi, che avevano come protagonista Lassie, una collie femmina che affrontava numerose avventure per poter tornare a casa dalla sua famiglia. In realtà il collie attore nei film era…un maschio di nome Pal.

E’ una razza non diffusissima in Italia, ma appunto inconfondibile e legata a molti ricordi d’infanzia grazie al filone cinematografico che ne esaltava le reali caratteristiche della razza. Infatti è un cane intelligente, devoto, molto motivato ad eseguire ciò che il proprietario si aspetta da lui, sensibile e profondamente legato alla sua famiglia.

La razza si è probabilmente evoluta dai cani portati in Scozia dagli antichi Romani, accoppiati poi con i cani già presenti in loco. Il nome si teorizza derivi dalle pecore di razzaColley (“col” significava nero, e nere erano queste particolari pecore), che il Pastore Scozzese curava attentamente in passato. Si dice, ma non c’è la certezza, che intorno al 1850 per rendere il muso più affusolato venne immesso nei collie dell’epoca sangue di cani di razza Borzoi (levriero russo). I Pastori Scozzesi sono rimasti cani utilizzati unicamente per curare le greggi fino a quando la Regina Vittoria ne volle uno, affascinata da un esemplare di questa razza visto al Castello di Balmoral; da quel momento, molti sudditi ne acquistarono uno per compagnia, apprezzandone l’aspetto fisico.

La razza è stata riconosciuta ufficialmente dalla FCI (Federazione Cinologica Internazionale) solo nel 189Smooth Collie (Pastore Scozzese a Pelo Corto).

collie

Pastore scozzese (Collie): aspetto generale e caratteristiche

Altezza al garrese: maschio 56 – 61 cm, femmina 51 – 56 cm.

Peso: maschio 20 – 34 kg, femmina 16 – 29 kg.

Il collie “appare come un cane di grande bellezza, impassibile dignità, perfetta armonia d’insieme. Struttura fisica caratterizzata da forza e attività senza essere pesante o grossolana.” (dallo standard ufficiale FCI). La testa somiglia ad un cuneo ben troncato e di profilo liscio. Lo stop è leggero, ma percettibile. Gli occhi del collie gli conferiscono un’espressione dolce, con sguardo intelligente e sveglio. Il mantello esterno è ruvido, e molto abbondante su criniera e coda, mentre il sottopelo è fitto e soffice. Il collie può essere color sabbia, sabbia con bianco, tricolore e blu merle. Nei primi tre colori, l’occhio è marrone, mentre alcuni merle hanno gli occhi blu o macchiati di blu (a volte anche un solo occhio).

Pastore scozzese (Collie): carattere

I collie sono cani sensibili, a volte tendenti alla timidezza; è per questo fondamentale socializzare il cucciolo sin dal suo ingresso in famiglia. Estremamente leale, intelligente, amichevole, attivo e felice, non deve essere nervoso o aggressivo, ma anzi buono ed equilibrato. Protettivo ed affezionato alla famiglia, è’ un ottimo guardiano, lavoro che effettua usando la voce come deterrente. Impara velocemente nuovi giochi, il che lo rende un ottimo amico dei bambini. Sarebbe preferibile inserire un collie in case di dimensioni medie-grandi, e non in piccoli appartamenti.

Indicato per chi desidera fare sport col proprio cane (obedience, agility), e per chi ama lunghe passeggiate all’aperto. E’ un cane che ama oziare in casa, ma che ha anche necessità di sfogarsi con diverse uscite quotidiane. Necessita di attente cure per il lungo e folto pelo; i cani che non partecipano ad esposizioni possono non essere toelettati con la stessa frequenza degli esemplari da show, ma bisogna comunque tenere in considerazione il tempo ed il costo per mantenere sano l’abbondante pelo. Soffre molto il caldo, pertanto è necessario tenere in considerazione tale caratteristica nell’organizzazione delle giornate estive . Cane da guardia, da pastore, ma che viene comunemente acquistato come cane da compagnia. Da’ buoni risultati nell’obedience, agility, come cane guida per ciechi e nelle attività della protezione civile. In Germania ed in Francia viene talvolta utilizzato nella Polizia.

collie

Pastore scozzese (Collie): patologie e aspettativa di vita

Il collie può essere soggetto ad oculopatie(CEA – collie eye anomaly, o più raramente PRA – progressive retinal atrophy), che possono portare alla cecità, e displasia all’anca(HD). Nella ricerca di un cucciolo da acquistare, pretendete sempre di vedere i test per tali patologie a cui sono stati sottoposti stallone e fattrice della cucciolata. Questi due test sono anche richiesti dall’ENCI (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana) nel programma di riproduzione selezionata. Il collie viene anche citato in alcuni studi veterinari come soggetto a displasia renale giovanile (JRD). Inoltre, sebbene di probabile origine genetica ma non testabili, il collie potrebbe soffrire di epilessia, allergie alimentari, ed ipertiroidismo.

Ha un’aspettativa di vita di 10-15 anni.

Pastore scozzese (Collie): qual è il suo padrone ideale?

Il Collie è un cane tranquillo, amante delle comodità della casa. Si trova bene in famiglie con bambini. E’ importante approcciarsi al cane con rispetto, per non farlo chiudere nella sua timidezza. Il padrone ideale dedicherà al Collie il giusto tempo necessario per educarlo, socializzarlo, fargli fare esercizio e curare il lungo pelo che necessita di attenzioni quotidiane.

Essendo un cane a pelo lungo, la cui cura richiede tempo e pazienza, il Collie potrebbe non essere la razza giusta per chi tiene in modo meticoloso alla pulizia della casa, e/o per chi non ha la giusta dedizione per la suatoelettatura quotidiana. Il Collie è un cane estremamente sensibile, tendente alla timidezza, pertanto non è indicato a chi non riesce ad entrare in empatia con cani tendenzialmente introversi, e che pensa di poterlo educare con metodi eccessivamente duri e autoritari.

A causa della sua spiccata indole alla guardia, che effettua abbaiando, può non essere la razza ideale se abitate in un condominio, o comunque in un contesto urbano.

Pastore scozzese (Collie): rapporto con i bambini

Amichevole e molto affettuoso, docile e paziente. E’ un grande compagno di giochi per i bambini, purché si insegni a questi ultimi a rispettare il cane. Sviluppa per essi un profondo rapporto di amore e protezione.

Pastore scozzese (Collie): rapporto con gli altri cani

Il Collie generalmente non riscontra problemi approcciandosi ad altri cani; è bene comunque socializzarlo correttamente sin da cucciolo, per evitare spiacevoli episodi una volta maturato.

Pastore scozzese (Collie): allevamenti

L’ENCI nell’anno 2016 ha registrato 476 collie in Italia. Evitando accuratamente i negozi di animali o gli allevatori multirazze, si consiglia di rivolgersi ad un allevamento riconosciuto dall’ENCI. E’ fondamentale assicurarsi che stallone e fattrice abbiano i test di salute che confermano non siano portatori delle patologie genetiche descritte sopra.

BIBLIOGRAFIA

M. Teresa Garabelli, I pastori scozzesi. Collies, shetland, welsh corgi. Ed. Mursia