Nella prima notte in canile, un Chihuahua si rimbocca le coperte come faceva il suo anziano proprietario

0
744

Si è rimboccato da solo le coperte questo Chihuahua anziano, proprio come ha sempre fatto il suo anziano proprietario salito in cielo.

Si è rimboccato da solo le coperte. Proprio come ha sempre fatto il suo anziano proprietario. La foto di questo anziano mix di Chihuahua nella sua prima notte in canile dopo la morte del suo compagno umano ha fatto il giro del web, stringendo il cuore di molti, a partire da quello del volontario che l’ha scattata.

Come ogni volta che ha il turno di chiusura, Jan Nageldinger della Humane Society of Branch County di Quincy, nel Michigan, fa un ultimo giro prima di andare via, per controllare che sia tutto a posto. E quando ha visto Scooter non ha potuto che inchinarsi davanti alla sua tristezza, trasformando quella che per lui era una routine in una commovente foto-ricordo.

Nella sua gabbia, oltre ad una brandina, Scooter aveva una copertina blu a stelle bianche e azzurre. E per abitudine, si è rimboccato le coperte prima di mettersi a dormire. La tenerissima foto ha centrato il segno, e Scooter in pochi giorni è stato adottato: Jan sapeva che avrebbe convinto qualcuno ad aprire la sua casa a questo cane anziano, e le richieste sono arrivate da tutto il mondo, Italia compresa.

Ad accogliere Scooter nella sua vita è stata Jessica Howard, «madre adottiva» di altri due Chihuahua. «Guardare quella foto mi ha fatto venire le lacrime agli occhi: quell’immagine rappresentava tutti i milioni di animali che aspettano una seconda possibilità nei rifugi di tutto il mondo».

«Scooter era lì su quella branda pur essendo un animale domestico amato da qualcuno: aveva una storia e la sua vita contava». Poi il suo proprietario è morto, e lui si è trovato catapultato in una gabbia, desolato, in un posto che non aveva mai visto prima di quel momento. Ora invece ha di nuovo una casa, due fratelli a quattro zampe e qualcuno che gli rimboccherà le coperte ogni sera per ancora molto tempo.

Fonte: La Zampa