La storia di Asha, una cagnolina ridotta a un “relitto” che sta lottando per la vita

0
98

Le volontarie dell’Apac del Molise stanno curando i mali e le ferite dovute all’incuria in cui è vissuta. Ma c’è una speranza.

La storia di Asha purtroppo non sarà la prima nè l’ultima, ma per fortuna ci sono delle persone dal cuore d’oro che stanno facendo di tutto per salvarla. Ma andiamo con ordine. Si tratta di una cagnolina di razza pastore tedesco molto dolce ma anche molto sfortunata.

E’ stata infatti ridotta ad un rottame, a causa di un padrone che avrebbe dovuto amarla e darle tutte le attenzioni di cui aveva bisogno. E invece l’ha trascurata fino a ridurla in gravissime condizioni.

Ora però la situazione sembra volgere al meglio grazie alle volontarie dell’Apac del Molise, che si sono fin da subito attivate una volta ricevuta la segnalazione di questa quattro zampe che vagava in campagna terribilmente malandata.

Lei «ha 10 anni, ha tumori mammari sparsi ad entrambe le file di mammelle, ha la rogna e chissà cos’altro» spiegano. E sottolineano: «La fine dei cani regalati..la maestosità di un pastore tedesco che, a causa dell’incuria, si trasforma in un misero relitto».

Regalo, avete capito bene, che il proprietario pare non si sia sentito di rifiutare perchè non se la sentiva in quanto Asha è un cane di razza. Ora la vita di questo meraviglioso pet è appesa ad un filo, ma c’è speranza.

«Nonostante le sue gravi condizioni, la cosa che non riesco a togliermi dalla testa sono i suoi occhi – racconta una delle animaliste dell’associazione di Campobasso -. Asha guarda il vuoto, si lascia manovrare, si lascia visitare, si lascia far tutto…tutto con estrema rassegnazione. La si guarda e si percepisce che sta solo aspettando la morte.. ma noi non possiamo permetterlo».

Così le volontarie decidono di curarla, la sottopongono a visite ed esami in attesa di due interventi. Arrivano i primo risultati delle analisi: «Pensavamo peggio, date le sue condizioni, ma presenta una lieve anemia cronica e altri valori un po’ alterati. Abbiamo prenotato un’eco addome. Purtroppo a livello ecografico sembra avere qualche problemino» informanotramite la loro pagina social.

Sottolineando anche gli aspetti positivi: «Al momento si sta rimettendo in forze, era strapiena di parassiti intestinali  e ha sempre tantissima fame. Il test leishmania fortunatamente è negativo. E  fortunatamente inizia a camminare meglio e nel suo sguardo sembra  essere spuntato un barlume di speranza». E ringraziando quanti stanno partecipando con il loro aiuto alle spese per le cure di Asha.

Poi le ultime notizie che hanno fatto preoccupare chi sta seguendo con apprensione la sua sorte: «Aggiornamento 11 novembre, non ci sono buone notizie per Asha.  ieri notte ha avuto una torsione dello stomaco presentava una grave aritmia, una pessima saturazione del sangue e ormai stava per lasciarci. Questa notte ha combattuto e l’aria sembra essere diminuita e la saturazione è migliorata. Ora si può procedere con l’intervento ma la situazione è molto grave. È in prognosi riservatissima».

«Per favore tanti pensieri positivi per lei – vengono richiesti -. Deve farcela! Ha diritto di scoprire che la vita non è solo quello che ha visto fino ad ora».

Qualche ora dopo la speranza è tornata: «Asha ha superato l’intervento. Ora resta ricoverata poiché la prognosi è ancora riservata. Ma noi continuiamo a lottare per lei ed insieme a lei».