La storia di Ashley, abbandonata e adottata dalla caserma dei pompieri di New York

ashley

Ashley, la cagnolina abbandonata e adottata dalla caserma dei pompieri di New York.

E’ stata ritrovata tra la neve abbandonata, denutrita e maltrattata, ma fortunatamente qualcuno l’ha soccorsa e gli ha dato una nuova casa.

Questa storia arriva dal nuovo continente, dall’America ed esattamente da New York. La protagonista si chiama Ashley ed è una piccola cagnolina di un anno: in questo caso si può dire che l’abbandono è stata la sua salvezza, certi padroni è meglio perderli che trovarli. La piccola cucciola di pitbull viveva in una casa senza riscaldamento e senza energia elettrica, con l’arrivo dell’inverno e la caduta della prima neve i suoi padroni hanno ben pensato di trovare un giaciglio più confortante…ma solo per loro. Hanno avuto il coraggio di abbandonare la cagnolina al freddo senza cibo, senza acqua, ma per fortuna esiste la provvidenza.

Una coppia che abitava nei dintorni ha notato Ashley e visto il deperimento e lo stato di abbandono in cui si trovava non ha saputo chiudere gli occhi, la sua dolcezza li ha conquistati. La coppia ha chiesto aiuto alla Erica, la fondatrice di “no more pain rescue”, un’associazione animali abbandonati no-profit che grazie alle donazioni e ai suoi sostenitori si occupa di soccorre gli animali tra cui i cani abbandonati, se ne prende cura e provvede anche alle visite mediche. Erika ovviamente non si è sottratta dal soccorrere il piccolo animale abbandonato. “A vederla mi si è spezzato il cuore” testimonia la donna. Ashley era chiaramente denutrita e spaventata. Ma non solo, la povera cucciola aveva subito anche maltrattamenti, poiché riportava diverse cicatrici che sembravano chiaramente essere dei segni di bruciatura da sigaretta. La prima cosa che è stata fatta è una visita dal veterinario che ha chiaramente notato lo stato di denutrizione del cane: ad Ashley servivano almeno 11 kg per ritornare in forma e in salute. Dopo aver curato la cagnolina ed averla rimessa in forze, Erika assieme al fidanzato hanno iniziato a cercare una nuova casa e una nuova famiglia per la piccola pitbull.

La caserma dei vigili del fuoco di New York faceva proprio al caso suo, ma purtroppo per un tempo limitato. In realtà appena è entrata nella sua nuova dimora ha conquistato tutti: la gioia di avere una nuova casa era così grande che è riuscita a trasmetterla anche alla sua futura “famiglia”. Ashley è stata adottata definitivamente dai pompieri della caserma del fuoco di New York, non ha più lasciato la caserma dei pompieri. A vederla era impossibile farla andare via, il suo musetto era troppo tenero per poter rinunciare a lei. Oggi Ashley fa parte della caserma e anche della vita dei suoi nuovi proprietari che non dimenticano di riservarle un posto nel camion e uno in cucina dove c’è la sua scodella di crocchette. Ashley partecipa alla vita dei vigili del fuoco, li segue quotidianamente anche durante le esercitazioni.

A quanto pare i pompieri non sono solo addestrati per spegnere il fuoco, in questo caso hanno saputo donare calore e affetto al piccolo animaletto che era stato lasciato in balia degli eventi e soprattutto al freddo e al gelo.

Al contrario di quanto si dica il pitbull non è un cane violento e neppure aggressivo, soprattutto con le persone. Ha un carattere molto forte ed è un cane molto dolce e fedele, potrebbe ribellarsi solo in caso di grande pericolo per prendere la difesa del padrone. Se volete prendere un cane e stavate scartando il pitbull, dopo questa storia vi consiglio vivamente di rimettere in discussione le vostre decisioni e prendere in considerazione anche i cani come Ashley. Il pitbull è un cane molto rispettoso nei confronti delle gerarchie del branco, l’unica precisazione è legata al suo carattere dominante che potrebbe ricreare qualche piccolo scontro se incontra un altro pitbull con lo stesso carattere, ma questo comportamento può essere corretto tranquillamente con qualche regola di educazione. Il pitbull è un cane che può stare in appartamento, l’importante è farlo giocare al parco e tenerlo in mezzo agli altri cani in modo che possa socializzare e scaricarsi all’aria aperta. I pitbull adorano stare con le persone e sono molto coccoloni, la nomea di cane aggressivo è dovuta semplicemente al significato di pit ovvero arena ed al fatto che son stati protagonisti nei combattimenti dei cani.

Ashley si è dimostrata una cagnolina tenera, altrochè violenta e pericolosa. La nostra pitbull ha avuto una seconda possibilità e per fortuna adesso vive con persone che le vogliono bene. L’abbandono è stato tragico ma fortunatamente ci sono uomini che sanno amare gli animali e sanno prendersene cura. L’abbandono oltre ad essere un atto di crudeltà è anche un reato così come il maltrattamento animali. Le mancanze di rispetto nei confronti di altri esseri viventi sono azioni che anche la giurisprudenza riconosce. Causare sofferenza dovuta ad una mancanza di comportamenti volti a prendersi cura degli animali significa causare dolore ad esseri viventi. Oltre tutto la piccola cagnolina ha subito anche maltrattamenti. E’ cosi difficile avere rispetto per la vita e per gli esseri viventi? Non dovremmo neanche stare qui a scriverlo o a sottolinealo eppure di storie come questa ne sentiamo parlare spesso, potremmo scrivere libri sull’abbandono. L’abbandono non è l’unica soluzione, se subentrano delle condizioni di difficoltà che non consentono più di tenere un cane e ti senti costretto a dover rinunciare a lui non lasciarlo in mezzo a una strada ma valuta di potergli regalare una nuova casa e un padrone pronto ad accoglierlo e volergli bene. Ci sono persone che cercano anche cani da adottare. Ci vuole più coraggio ad abbandonare un cane che non a donargli una nuova famiglia. Non abbandonare il tuo cane, sii un essere umano col cuore.