Kennel per cani: cos’è, a cosa serve e prezzi

Cos’è il kennel per cani? Andiamo alla scoperta di questo accessorio

Quanti padroni di cani sanno cosa sia il kennel? Non tutti, forse perché questo termine “straniero” svia un po’ la nostra comprensione: letteralmente significa “allevamento” o “canile”, ma in italiano siamo abituati a chiamarlo più semplicemente trasportino.

È sì, il kennel per cani non è altro che quel vano contenitore in cui il quattrozampe sta generalmente nel retro dell’auto o alle mostre, in attesa del proprio turno di sfilata. In realtà questo accessorio può essere usato in molte altre occasioni, ma non tutti sono d’accordo sulla bontà del suo utilizzo. Vediamone i pro e i contro.

I detrattori del kennel ritengono che questo sia una specie di strumento di tortura per il cane, una vera e propria gabbia in cui l’animale viene imprigionato, con una libertà di movimento molto limitata. Ciò può essere vero quando ne viene fatto un uso sbagliato e talvolta “criminale”, ad esempio da quei proprietari di cani che pensano che tenerli chiusi prima di una gara sportiva possa “conservare” tutte le loro energie per la competizione (assurdo!).

Ma esiste anche un uso responsabile e corretto del kennel per cani. A questo proposito va detto che se il cane viene abituato al trasportino sin da subito, meglio da cucciolo, in modo graduale e soprattutto senza alcuna costrizione o forzatura, finirà per considerarlo un posto in cui sentirsi al sicuro.

In natura i cuccioli, anche quelli di lupo, rimangono all’interno della tana, di solito scavata sottoterra, per un periodo significativo e la mamma stessa li sgrida severamente se provano a mettere il naso fuori prima del tempo. Il kennel può rappresentare proprio questo per il cane: una cuccia dove potersi riposare in tranquillità, al riparo da ogni potenziale pericolo.

Ma come si arriva a questo? Anzitutto facendo in modo che il cane entri nel kennel sin dalle prime volte in modo del tutto spontaneo, ad esempio mettendo all’interno qualche bocconcino, poi invogliandolo a rimanere nel trasportino per un tempo un po’ più lungo, magari collocando lì la ciotola con la pappa o un bell’osso di pelle di bufalo, che molto probabilmente il cane rosicchierà rimanendo sdraiato dentro al kennel.

L’importante all’inizio è lasciare la porta del trasportino aperta, in modo che il nostro quattrozampe sia libero di uscire se lo desidera, e anche quando, nel procedere della fase di adattamento, proverete a chiudere lo sportello, siate pronti a riaprirlo velocemente, se il cane darà segno di insofferenza.

È importante anche mettere il kennel nella stanza dove siete voi, così che il vostro amico a quattrozampe possa sempre vedervi e sentirsi comunque in compagnia. In breve il vostro amico Fido si abituerà a stare nel kennel in maniera del tutto naturale e rimarrà lì rilassato e sicuro di essere al riparo da ogni pericolo.

kennel

Kennel per cani: a cosa serve

Ma in quali occasioni può essere utile familiarizzare il cane con il kennel? In diverse circostanze: stare nel trasportino può insegnare al cane ad autocontrollarsi, quando ad esempio ci sono nello stesso spazio due o più cani che non vanno d’accordo e che magari si azzuffano per la pappa; oppure quando il cane, se lasciato anche per brevi periodi, distrugge casa o se vi capita di avere ospiti che proprio non riescono a farsi passare la paura per il vostro cane.

Va detto però che il kennel non deve essere considerato “LA” soluzione: se il vostro cane, da solo, vi demolisce l’abitazione, prima di tutto domandatevi se lo portate abbastanza spesso a camminare, giocare e a sfogare la sua naturale energia, o se non rimanga in casa da solo per troppo tempo; non pensate di risolvere il problema semplicemente mettendolo nel trasportino!

Il kennel deve essere usato sempre nei giusti limiti e nei tempi corretti: il cane non deve rimanere lì per più di due o tre ore al massimo, la durata di uno dei periodi di riposo che normalmente il cane ha durante la giornata, altrimenti vi trasformereste in “carcerieri” e il vostro cane non ve ne sarebbe affatto grato!