Il Golden Retriever con gli occhi più tristi del mondo è stato salvato dal macello cinese

0
126

Questo Golden Retriever, insieme ad altri quattro esemplari, stava per finire nei banchi del festival di Yulin. La sua storia.

Cinque meravigliosi Golden Retriever sono stati prelevati dalla Cina prima che venissero macellati e mangiati. La loro destinazione è stata il Minnesota: una salvezza resa possibile dall’ente Ragom, Retrieve a Golden of the Midwest, che da anni si occupa di salvare più cani possibili in Cina prima che finiscano tra i banchi del festival di Yulin.

Nicole Stundzia, membro dell’associazione, racconta: “Quando sono andata in Cina a febbraio per far visita alle strutture di soccorso locali con cui collaboriamo, ho incontrato una giovane femmina che sembrava aver avuto una cucciolata da poco. Dei cuccioli non c’era traccia, se non nell’incredibile tristezza che mostrava nei suoi occhi. Ogni volta che camminavo in sua direzione, lei si tirava su e si sedeva nella speranza che la consolassi“.

Il Golden Retriever è un cane adorabile, sempre allegro. Nicole non ne aveva mai visto uno così triste. La volontaria era lì per salvare altri due cani, ma proprio non se l’è sentita di lasciare lì quella povera cagnolina.

Il racconto prosegue: “Non ho mai smesso di pensare al suo sguardo. Le ho fatto una foto e mi sono annotata il numero del suo microchip nella speranza di trovare un modo per portarla negli Stati Uniti. E dopo aver raccontato la sua storia, abbiamo trovato un volontario generoso che si è offerto di fare il viaggio per salvare lei e altri quattro cani“.

Mama, Georgia, Sissy, Jovi e Mosby: sono loro i cinque Golden Retriever salvati. Quando Golden Mama ha visto per la prima volta un giardino e una palla, la tristezza che la pervadeva è scomparsa, così come agli altri quattro cani: “La cosa più bella in assoluto è stata aprire le loro gabbie dopo il lungo volo,  vedere i loro corpi dimenarsi e la loro coda scodinzolare per l’eccitazione , pronti a correrti incontro per un abbraccio“.

Nei prossimi giorni i quattro zampe saranno seguiti da un equipe veterinaria per aiutarli a superare il forte stress e ricevere le cure adeguate. Una volta compiuto l’iter di cure, potranno essere adottati.