Perchè il cane vomita: cosa fare e rimedi naturali

0
504
il cane vomita

Se il cane vomita ci troviamo di fronte ad una situazione in alcuni casi da non sottovalutare.

Cosa fare se il cane vomita? Si tratta di un problema più comune di quello che potete immaginare: in linea di massima non c’è da allarmarsi, tuttavia la questione non è nemmeno da prendere sotto gamba. In questo articolo proveremo a darmi alcuni consigli utili su come affrontare questa situazione, analizzando anche varie tipologie di vomito che possono presentarsi a seconda dei casi.

Un po’ come per gli essere umani, il vomito può suggerire giusto dei piccoli disagi fisici oppure essere l’anticamera di qualcosa di può grave. Ovviamente si tratta di un fenomeno molto diverso da quello che accompagna la vita dei nostri amici felini: i gatti vomitano più di frequente, come a volersi “depurare” da una serie di scorie dell’organismo.

Per i cani la faccenda è po’ diversa. Innanzitutto: non fatevi prendere dal panico! Questo è un consiglio che vale in ottica generale. Analizzate con il giusto mix di calma ed attenzione la situazione. Ad esempio, è sempre necessario portare il cane dal veterinario in caso di vomito?

Diciamo che se si tratta di un episodio sporadico – tendenzialmente – si può anche bypassare il consulto medico, mentre – pur senza allarmarsi in maniera esagerata – se i conati di vomito diventano frequenti è opportuno fare una telefonata al veterinario di fiducia.

In ogni caso, in attesa di capire come procedere o comunque prima di portare il nostro amico peloso in ambulatorio, occorre sospendere la somministrazione di cibo. Non solo: meglio eliminare momentaneamente anche l’acqua. Non fatevi ingannare nemmeno dall’erba: qualche volta può fungere da palliativo ma se il vomito è persistente sarà meglio non ingerire nemmeno quella.

In generale, a questo punto, occorre fare una distinzione apparentemente lieve tra rigurgito e vomito vero e proprio: il rigurgito è meno grave e avviene quasi sempre nell’immediato dopo-pasto, quando il cibo non ha ancora avuto modo di essere digerito. Il cibo, in pratica, viene espulso praticamente intero, ma non sono presenti sintomi di nausea o bile.

Questi ultimi sono invece palesi nel caso del vomito, insieme ad una notevole agitazione del cane, nonché – se il caso è piuttosto grave – di sangue. In quest’ultimo caso, ovvero se doveste notare delle tracce di sangue, i casi sono due, in linea di massima: rottura di capillari dovuta allo sforzo (meno grave), sintomi di ulcera oppure avvelenamento (decisamente più gravi).

Va detto che anche il vomito non è una sostanza “uguale” in tutti i casi, anzi. Ce ne sono di diverse tipologie. Proveremo ora ad elencarne alcune, tentando di capire cosa possono implicare.

il cane vomita

Il cane vomita giallo

In gergo strettamente medico, va generalmente ad indicare una provenienza duodenale oltre che una scarsa percorribilità del piloro. Si tratta di un vomito gastrico che può via via virate verso il marroncino.

Spesso comunque è riconducile ad un digiuno prolungato dell’animale. Quando poi il cane si ritrova effettivamente a mangiare, il suo stomaco rischia di andare “su di giri”.

Il cane vomita verde

In genere, se il vomito del cane ha un colore verdastro non si tratta succhi gastrici ma bile.

Il cane vomita marrone

Ci sono delle cause ricorrenti nel vomito marrone del cane: delle ulcere emorragiche, delle forme di ostruzione intestinale, tumori o malattie gengivali e ovviamente anche l’aver ingerito del cibo inappropriato.

Il cane vomita schiuma

Anche in questo caso le cause possono essere molteplici:

1) Il cane mangia troppo in fretta e così facendo va ad ingurgitare anche peli e/o polvere.

2) Fanno troppo movimento o comunque fanno uno sforzo eccessivo o fuori misura.

3) Una comune gastrite durante la quale vanno ad espellere liquido biliale.

4) Addome gonfio a causa del fatto che lo stomaco va a bloccare le sostanze in uscita.

Il cane vomita sangue

Si tratta di uno dei casi da monitorare con più attenzione. Come abbiamo specificato poco più su in questo stesso articolo, da un lato più “semplicemente” trattarsi di un capillare rotto a causa dello sforzo nei conati, dall’altro potrebbe trattarsi di ulcera o avvelenamento ed in questo caso non ci sarebbe assolutamente tempo da perdere.

Il cane vomita e non mangia

Sembra quasi scontato dirlo ma non lo è: difficilmente un cane che vomita con una certa regolarità avrà appetito. Tuttavia qualora il suo istinto vorace dovesse prendere il sopravvento dovrete essere voi ad evitare di dargli qualsiasi cosa da mangiare, in attesa dei controlli del caso.

Il cane del resto potrebbe essere preda di parassiti intestinali, avere la diarrea o essere stato contagiato da malattie infettive.

Ora, questo elenco vuole essere giusto indicativo: non è facile distinguere sempre con esattezza la tipologia di vomito del cane, così come non è facile fare una diagnosi “casalinga”. In tutti i casi ci sono delle situazioni e della cause ricorrenti, che tuttavia possono richiedere cure differenti a seconda dei casi ma anche a seconda della razza, dell’età e del background medico dell’esemplare.

In larga misura, le cure a cui il cane potrà andare in contro comprendono: farmaci antivomito, antidiarrea e/o antidiarrea; semplici protettori gastrici oppure fluidi intravenosi, fino a terapia più “toste” come antibiotici o sverminanti. Come vedete, non esiste un rimedio unico né dei rimedi casalinghi in senso stretto: occorre applicare il buonsenso e capire quando si tratta di una semplice “giornata no” per lo stomaco del vostro amico quadrupede e quando invece vi trovate dinnanzi ad una situazione ben più grave.

Per sicurezza, fate sempre tutti gli esami e le analisi del caso, così da evitare brutte sorprese. Per il resto, ricordatevi che l’alimentazione del vostro cane deve essere sempre curata: non solo nello scegliere che cosa dargli in pasto, ma anche nel monitorare come il cibo viene deglutito.

Tenete gli occhi puntati sui “piccolini” che rischiano di buttar giù bocconi troppo grossi e allo stesso tempo attenzione ai cani di taglia grande, soprattutto se particolarmente voraci, poiché potrebbero mangiare con una sorta di “effetto aspirapolvere”. Il corpo però non perdona e tende a rigettare tutto quello che è entrato in maniera eccessiva oppure con modalità errate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here