PERCHÉ IL CANE BACIA, O MEGLIO LECCA

Il cane bacia

 

IL CANE BACIA L’UOMO: IL SIGNIFICATO DI QUESTO GESTO

Ai padroni di cani sicuramente non dispiace quando il loro quattrozampe si avvicina al viso per “stamparci” sopra un bel “bacio”- come lo definiamo noi umani – o piuttosto una decisa leccata, per usare il gergo canino. C’è anche chi al contrario inorridisce di fronte a questo scambio di effusioni, pensando che sia disgustoso e fonte di potenziali trasmissioni di malattie. Ma vi siete mai chiesti perché il cane bacia ? I motivi sono molteplici, a seconda della circostanza e della persona che ha di fronte.

In segno di affetto e come richiesta di attenzioni: questa è la spiegazione per noi più immediata e semplice da comprendere perché gli umani utilizzano il bacio proprio per dimostrare amore e tenerezza. Anche per i quattrozampe questo gesto può avere una valenza simile, seppure con le dovute differenze. Anzitutto i cani imparano il significato dei “baci” già dalla più tenera età, quando la mamma li lecca, appena nati, per pulirli dalla placenta e poi per stimolarli ad espletare i propri bisogni fisiologici nei primi giorni di vita. Successivamente sono i cuccioli a leccare i lati della bocca della madre per ottenere da lei cibo rigurgitato nella fase dello svezzamento. Questa serie di comportamenti rimane impressa anche in età adulta nel cane che, quando lecca il suo padrone, lo fa per richiamare quel misto di sensazioni positive trasmessegli dalla mamma, ossia affetto, cura, sicurezza, ma anche per richiedere attenzione e cibo, magari appena rientriamo a casa dopo essere stati assenti.

In segno di rispetto verso il capobranco: in natura i lupi e i cani selvatici leccano il muso del capobranco o comunque di chi riveste un ruolo gerarchicamente superiore, in segno di deferenza. Allo stesso modo il cane “casalingo” lecca il padrone perché riconosce che è lui il più alto in grado, quello che comanda. A volte questo atteggiamento viene messo in atto dal cane nei confronti di quelle figure che gli incutono timore: in questo caso di solito inizia con un “leccamento a vuoto”, che è un segnale calmante, e poi arriva a leccare direttamente la persona (o il cane) che suscita in lui paura, per trasmettergli pace. Così, quando il cane bacia il veterinario, non vuol certo dire che gli sia affezionato, ma che ne è terrorizzato e gli sta chiedendo a modo suo di non fargli nulla di male.

Il cane bacia

 

PERCHÉ IL CANE BACIA I SUOI SIMILI

Oltre ai motivi appena descritti ve ne sono altri che spiegano per quale motivo i cani leccano i loro simili.

Per proteggere chi è più indifeso: spesso i cani leccano i cuccioli e a farlo non è solo la madre con i propri figli, ma anche i maschi adulti nei confronti di cuccioli che possono non essere i “loro”. Questo, oltre che per igiene, viene fatto per difenderli da potenziali predatori: in natura infatti i forti odori emanati dai piccoli potrebbero attirare l’attenzione di altri animali cacciatori e mettere a rischio la sopravvivenza della prole; il cane quindi cerca di cancellare questi odori con leccate ripetute e  accurate. È lo stesso motivo per il quale i cani sono soliti leccare i bimbi piccoli: del resto, per loro non sono altro che cuccioli umani da difendere da possibili pericoli.

Per raccogliere informazioni: il cane acquisisce informazioni sul mondo esterno e sui suoi simili prevalentemente attraverso l’olfatto, che è il senso in lui più sviluppato. Talora però, per capire ancora meglio ciò che lo circonda, utilizza anche la lingua: molto spesso i cani si soffermano ad odorare l’urina dei propri simili perché da questa possono capire molto su di loro (età, sesso, razza, carattere); altre volte arrivano addirittura a leccare la pipì degli altri cani per “leggere” ancora meglio i loro feromoni, o ormoni sessuali. Ecco il motivo per cui i cani maschi leccano l’urina delle femmine in calore. Ma anche noi umani, come tutti gli esseri viventi, emettiamo feromoni e attraverso questi il cane può capire ad esempio di che umore siamo, se siamo malati o in salute. In questo caso ovviamente le leccate del nostro cane non sono propriamente da intendersi come “baci”, ma piuttosto come “momenti studio”.