Perde gli occhi, ma succede un qualcosa di straordinario: la storia di Hoshi

hoshi

Hoshi: il cane che ha perso gli occhi ma ha trovato un grande amico

Il mondo di Hoshi attraverso gli occhi di Zen.

Eccomi qui, di nuovo a raccontarvi un’altra di quelle storie speciali che mi piacciono tanto e che fanno bene al cuore e allo spirito. Protagonisti come sempre i nostri amici a quattro zampe. Quelli speciali e meno fortunati, come Hoshi e Zen. Quelli che però trovano nelle loro vite degli amici speciali, umani e non solo, che rendono tutto un po’ migliore.

Quindi mettetevi comodi e lasciate che vi presenti Hoshi. A 11 anni è rimasto totalmente cieco a causa di un glaucoma (clicca qui per leggere i sintomi e le possibili cure di questa patologia). Per via di questa patologia Hoshi è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per rimuovere entrambi gli occhi.  La sua famiglia umana era parecchio preoccupata, temeva infatti che si sarebbe lasciato andare.  Ma non avevano considerato Zen.

Sei mesi prima dell’intervento, in famiglia è stato accolto un trovatello a cui è stato dato il nome di Zen. Zen vagava sporco ed affamato per le strade di Spokane, prima che la famiglia umana di Hoshi si innamorasse di lui e decidesse di adottarlo. Anche Zen era malato però. Aveva un ingrossamento del cuore, un edema polmonare acuto e un fortissimo dolore ai denti.  Inoltre la famiglia era preoccupata per la reazione di Hoshi al nuovo arrivato.

Pauline, la proprietaria dei due pelosi ha dichiarato che alla fine le sue preoccupazioni sono state del tutto inutili. Hoshi ha annusato un pochino Zen e poi i due insieme si sono messi subito a giocare diventando praticamente inseparabili.

E inseparabili lo sono ancora di più ora che Hoshi non può più vedere. Zen sembra comprendere il bisogno di aiuto di Hoshi e non lo lascia mai da solo, camminando sempre al suo fianco. Ma questo “effetto benefico” ha inciso anche su Zen, che da quando ha Hoshi al suo fianco sembra stare molto meglio.  Quando è arrivato in famiglia Zen era silenzioso e nervoso ma la sua amicizia con Hoshi gli ha ridato tutta la vitalità e l’entusiasmo che gli sono proprie.

hoshi

Il potere dell’amicizia

Non solo per gli umani è importante l’amicizia. Lo è anche per i nostri amici pelosi. E qualche volta è come quando noi troviamo nella nostra vita qualcuno che in qualche modo ci completa, ci supporta, condivide con noi gioie e dolori e diventa quello che chiamiamo il nostro “migliore amico”. Anche i nostri amici pelosi possono avere la fortuna di trovare questa anima speciale. Hoshi e Zen nella sfortuna dei loro problemi di salute si sono trovati e si sono dati rispettivamente la gioia di vivere e di giocare. Oggi si aiutano e si supportano a vicenda in quella fiducia cieca e in quell’amore incondizionato di cui solo i nostri amici a quattro zampe sono capaci.

Ad entrambi non importa se sono di razze diverse, se hanno problemi diversi, se uno è grande e l’altro è piccolo. A loro importa solo che hanno bisogno uno dell’altro. Questa è l’ennesima dimostrazione che abbiamo ancora molto da imparare dai nostri amici cani. Una lezione di “umanità” e lealtà che molti di noi devono davvero ancora apprendere.