Età del cane rispetto all’uomo: quanti anni avrebbe se fosse umano

708
Età del cane

Età del cane rispetto all’uomo: come convertirla in anni umani.

Quanti anni ha Fido? L’età del cane è una domanda vi sarà stata rivolta molte volte da conoscenti, amici o anche semplici sconosciuti incontrati per strada, che si sono fermati a fare due coccole al vostro quattro zampe.

E ogni volta che rispondete ecco che l’interlocutore cerca subito di fare un rapido calcolo a mente per capire quale sia l’età del cane rispetto all’uomo, mentre il pet vi guarda con occhi dubbiosi, per sua fortuna ignaro di tutto questo.

Certo, perché se chiedere gli anni ad un umano, soprattutto ad una signora, non è proprio una galanteria – specialmente quando a farlo è uno sconosciuto – sembra che la domanda sull’età del cane sia proprio irrinunciabile…

Ma come si fa a conteggiare il valore dell’età del cane con l’equivalente umano? Diciamo che un metodo univoco e scientificamente dimostrato ancora non esiste, anche se ci sono diverse tabelle di correlazione che si discostano l’una dall’altra, pur rendendo a grandi linee l’idea di quanto sia vecchio Fido.

Età del cane rispetto all’uomo: i metodi di calcolo

Anzitutto la tradizionale credenza popolare per cui 1 anno del cane sarebbe uguale a 7 anni nell’uomo non è corretta: già il primo anno di vita dei nostri amici pelosi va escluso da questo calcolo e considerato a sé. È evidente a chiunque infatti che un cane di 1 anno, che è già sessualmente maturo, è ben diverso da un bambino di 7 anni ancora in piena infanzia, ma è più simile forse ad un adolescente intorno ai 15 anni.

Inoltre l’età del cane varia anche in base alla razza: è risaputo che i cani di taglia piccola tendono a vivere più a lungo rispetto a quelli di taglia grande, quindi per i primi gli anni procedono in un certo senso più a rilento che per gli altri.

Al di là delle varie metodologie di conteggio dunque, per non incappare in grossolani errori, ci si può limitare a suddividere l’età del cane nelle varie fasi della sua vita, senza scendere nel dettaglio di calcoli approssimativi o, a volte, troppo dettagliati. In questo modo:

  • la fascia d’età che va dalla nascita del cane ai 2 anni circa corrisponde all’infanzia;
  • dai 2 anni fino agli 8/9 anni si ha la maturità (più o meno corrispondente al periodo che va dai 30 ai 50 anni umani);
  • dai i 9 anni in poi inizia la Terza età, che prosegue fino quasi ai 12 anni (fino approssimativamente ai 75-80 anni per l’uomo);
  • dai 13 anni in avanti si è in piena vecchiaia (dai nostri 80 anni in su).

Età del cane

A proposito di età del cane, vi siete mai domandati quanto è vissuto il cane più anziano del mondo? Con l’avanzare della scienza veterinaria e la maggiore attenzione per la salute dei nostri amici a quattro zampe, la vita media dei cani si è allungata.

Ci sono diversi cani che si contenderebbero il primato del più anziano al mondo: il padrone australiano della meticcia Maggie sostiene che la cagnolina avrebbe quasi 30 anni, ma purtroppo non possiede alcuna “prova” dell’anno di nascita del cane.

Alla stessa età sarebbe arrivato anche l’italianissimo Briciola, un incrocio simil-Chihuahua, adottato in Veneto dalla sua padroncina, allora quattordicenne, che lo avrebbe accudito per trent’anni. Anche in questo caso non ci sono carte che dimostrino il traguardo raggiunto, ma l’importante per i loro proprietari è averli avuti così a lungo al proprio fianco.

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche questo:

Quanto vive un cane? Vita media di un quattro zampe

CONDIVIDI