Cosenza – La storia di Giulia, la cagnolina torturata e bruciata viva: ora ha iniziato una nuova vita

0
460

Un dolore e una sofferenza che l’accompagneranno per tutta la vita, ma Giulia ora sta meglio ed è ritornata a vivere.

Giulia è una cagnolina nera come la pece, ma con una macchia bianca sotto il collo, quasi come se fosse una pettorina. Negli occhi si può vedere tutta la sofferenza che ha patito, ma anche la gioia per una nuova vita che è appena iniziata. Si, perchè è stata adottata! Ma andiamo con ordine.

La sua triste vicenda è questa: lo scorso maggio è stata trovata nella campagne di Cosenza seviziata e torturata da mani criminali. Era stata bruciata viva e accecata, cosparsa di un liquido infiammabile che poteva ucciderla tra sofferenza indescrivibili. Alcuni volontari però l’hanno trovata e curata.

Una di queste, Gisella Grande – presidente della sezione cosentina di Leidaa (Lega italiana per la difesa degli animali e dell’ambiente – ha dichiarato: “Giulia ha finalmente la sua famiglia. Oggi è un giorno speciale: dopo una vita segnata dall’orribile esperienza della tortura subita, Giulia è finalmente arrivata alla sua nuova casa! Ora questa dolce e fortissima cagnolina sta bene, non si è mai arresa, e il suo incredibile coraggio è stato premiato: ha finalmente trovato il suo posto nel mondo!“.

«La nuova famiglia è di Milano, l’abbiamo scelta valutando attentamente le offerte di disponibilità. Marito e moglie sono professionisti impegnati nel volontariato, hanno tre figlie fra i 9 e i 15 anni e altri due cani, un maschio e una femmina, entrambi salvati da situazioni difficili. Una situazione ideale per Giulia che finalmente potrà avere tutto l’amore che merita. Facendole dimenticare la bruttissima esperienza. E cicatrizzare la ferita non tanto quella esterna che si è quasi del tutto rimarginata quanto quella interna“.

A salvarla erano stati i volontari della Leidaa allertati da una segnalazione. Sono stati loro a curarla con amore cercando di lenire il suo dolore con un ricovero e una lunga terapia. Facendo l’impossibile soprattutto per ridarle fiducia nell’essere umano. Fiducia che lei ha sempre mostrato di avere. Nonostante tutto.

La dolce cagnolina Giulia, barbaramente ustionata da qualcuno che non conosce pietà é forte ed è sopravvissuta. Nonostante le bruciature sul corpo e la perdita dell’occhio sinistro, mangia con appetito e mostra una tenacia e una voglia di vivere straordinarie” scrivevano tre mesi fa sulla pagina Facebook dell’associazione. La stessa in cui ora hanno dato la bellissima notizia che tutti attendevano: quella di un’adozione davvero del cuore.