Come tranquillizzare un cane: la soluzione di Adaptil

0
628
Come tranquillizzare un cane

Da qualche tempo ti stai chiedendo se, oltre ai suggerimenti del tuo addestratore cinofilo, ci siano delle valide soluzioni per capire come tranquillizzare un cane? Beh, allora sei capitato nel posto giusto al momento giusto!

In questa guida ti daremo una serie di consigli che potrebbero rivelarsi molto utili. Ma andiamo con ordine. Statisticamente, uno dei motivi più frequenti per cui i padroni si rivolgono all’educatore cinofilo è che il proprio quattro zampe manifesta delle paure.

Possono essere diverse le circostanze per cui un cane si mostra spaventato: quando ad esempio viaggia in auto, oppure quando incrocia altri cani o ancora nel momento in cui dovesse verificarsi un temporale.

Non sempre poi certe paure possono essere circoscritte a situazioni contingenti: se ad esempio hai adottato un cane dal canile, potrebbe essere che la sua vita sia stata purtroppo macchiata da abbandoni o maltrattamenti. Cose che segnano insomma, e che non si possono superare in pochi giorni.

Ovviamente ciascun cane ha poi il proprio carattere, la propria soggettività e il proprio bagaglio genetico ed esperienziale. Ogni caso va dunque valutato singolarmente, così da individuare la linea di azione adatta di volta in volta. Tuttavia esistono alcuni principi generali e delle ulteriori soluzioni per riuscire a tranquillizare il tuo cagnolino.

Come tranquillizzare un cane: cosa fare

Il primo step da fare per riuscire a calmare il proprio pet è conquistare la sua fiducia: per lui noi dobbiamo essere un rifugio sicuro, una base forte su cui poter contare in ogni momento. Per questo dobbiamo rapportarci con il nostro quattrozampe con grande equlibrio e sicurezza.

Se ad esempio ha paura di un determinato oggetto, facciamogli vedere che non è pericoloso: avviciniamoci, tocchiamolo e vedrai che anche Fido si avvicinerà curioso e meno spaventato. Devi dimostrarti inoltre un padrone attivo, disposto a divertirsi insieme al proprio cane, magari nascondendo un gioco o… te stesso!

Il gioco è fondamentale: se ad esempio il tuo cane si inquieta in presenza di bambini, iniziate a giocare insieme a lui dicendo al bimbo in questione di non toccarlo nè di avvicinarsi. A poco a poco, giocando, vi ritroverete vicino al piccolo umano, senza che il pet se ne sia accorto.

Quando noterà la presenza del bambino magari si spaventerà, ma capirà anche che non c’è pericolo dal momento che non gli è successo nulla. Questo contribuirà un po’ alla volta a desensibilizzarlo, esponendolo cioè all’oggetto delle sue paure molto gradualmente e senza mai forzarlo, finché si abituerà e le sue reazioni fobiche svaniranno o diminuiranno.

Certo non bisogna pensare che ciò avvenga da un giorno all’altro: per alcuni cani possono occorrere anche mesi o addirittura anni. È necessario dunque avere pazienza, calma e serenità.

Come tranquillizzare un cane: cosa non fare

Se proprio non sai come comportarti di fronte alle paure del tuo cane, la cosa migliore è sempre rivolgersi ad un bravo educatore cinofilo, senza improvvisarsi addestratori perché rischiereste di peggiorare la situazione.

Ma ci sono alcune cose che sicuramente non vanno fatte:

1. Non sgridatelo o picchiatelo: non solo il cane continuerà ad avere paura di ciò che tanto lo spaventa, ma in questo modo imparerà a temere anche voi. Niente di peggio per chi già è timido e pavido!

2. Non costringetelo ad accostarsi all’oggetto o alla persona che lo intimorisce: aumenterete ancor di più la sua ansia e il suo senso di sottomissione;

3. Non premiate le sue fobie: se il cane ha paura, magari in presenza di un altro cane, non coccolatelo o ricompensatelo con del cibo, perché in questo modo rafforzereste il suo atteggiamento fobico, comunicandogli che fa bene ad avere paura.

Detto questo, vogliamo fornirti un ultimo consiglio, ovvero una soluzione che potrebbe rappresentare un ottimo modo per tranquillizzare il tuo quattrozampe.

Adaptil: la gamma di prodotti per il benessere dei cani

Un valido aiuto per la gestione delle situazioni di disagio è rappresentato dalla gamma di prodotti Adaptil, che con la loro azione non farmacologica portano serenità e tranquillità sia al cane ma anche al padrone.

Sviluppati da Ceva Salute Animale, azienda globale nel settore della veterinaria e leader nell’ambito degli aspetti comportamentalisti, i prodotti Adaptil sfruttano i feromoni, che portano un messaggio di naturale appagamento al tuo cucciolo o cane adulto.

I feromoni contenuti in Adaptil riproducono tutte le proprietà di quelli naturali materni: per questo motivo infondono uno stato di benessere nell’animale e forniscono un valido aiuto ai disturbi comportamentali associati a stress o paura.

Lo ribadiamo: non sono farmaci, ma hanno un’efficacia clinicamente dimostrata. Non danno effetti collaterali. Per quanto riguarda le maggiori situazioni d’uso, sono l’alleato ideale per la prevenzione/riduzione dello stress quando il cane:

  • Percepisce alcune situazioni come difficili (ospiti in casa, visite veterinarie ecc.)
  • Deve adattarsi ad un nuovo ambiente e affrontare nuove esperienze
  • Mostra problemi legati all’assenza del proprietario, com distruzioni, deiezioni inappropriate ecc. In questo caso c’è un prodotto specifico, ovvero Adaptil Calm Home Diffusore
  • Ha paura dei rumori forti (parlavamo dei temporali, ma anche dei fuochi d’artificio)
  • Ha ansia di viaggiare in auto o su altri mezzi di trasporto
  • E’ cucciolo ed entra nel periodo di socializzazione

In conclusione, questa linea di prodotti – lanciata con l’hashtag #semprefeliciinsieme – risulta un fedele alleato per la serenità del tuo amico del cuore.

#ad #Adaptil