CLASSI DI SOCIALIZZAZIONE PER CANI: A COSA SERVONO?

classi di socializzazione per cani

COSA SONO LE CLASSI DI SOCIALIZZAZIONE PER CANI

Le classi di socializzazione per cani, se condotte correttamente, servono a migliorare l’interazione tra cani e a farla capire al padrone.

Nell’ultimo decennio le classi di socializzazione per cani sono diventate molto “di moda” nella maggior parte dei centri di educazione cinofila e addestramento cani. Ma cosa sono esattamente? Si tratta di liberare in un’area recintata più cani che spesso non si conoscono, sotto la supervisione di un addestratore professionista, che controlla e gestisce quando occorre le interazioni tra i vari soggetti; lo scopo è quello di agevolare la socialità tra i cani, sviluppando le loro capacità di comunicazione con i propri conspecifici.

Le classi di socializzazione dunque non sono semplicemente un’occasione di gioco e di divertimento per i quattrozampe, ma dovrebbero essere anche un momento di apprendimento. Proprio in questo consiste la differenza tra portare il proprio cane al parco vicino a casa e lasciarlo libero assieme agli altri e invece farlo partecipare alle classi di socializzazione; nel secondo caso infatti i cani che vengono lasciati svincolati dal guinzaglio all’interno dell’area apposita devono essere precedentemente selezionati dall’addestratore. Non tutti i quattrozampe infatti sono adatti da subito a partecipare agli incontri, come nel caso di soggetti aggressivi verso i propri simili: non si tratta di mettere tanti cani assieme alla rinfusa e lasciare che se la sbrighino da soli, pensando che in qualche modo tutti troveranno un equilibrio all’interno del gruppo. Così facendo, anzi, il rischio di zuffe diventerebbe alto e la classe di socializzazione finirebbe per avere un effetto negativo su molti cani che, invece di imparare a rapportarsi pacificamente con gli altri, apprenderebbero al contrario che, quando incontrano un loro simile, l’unica cosa da fare è aggredire per primo per evitare di essere aggrediti loro stessi. Se condotta in modo scorretto infatti questa forma di addestramento per cani può rivelarsi dannosa e rovinare il rapporto con i conspecifici anche in soggetti che prima non avevano particolari problemi di socializzazione.

È fondamentale dunque rivolgersi ad educatori professionisti e non improvvisati che sappiano fare le opportune valutazioni: anzitutto bisognerà considerare le diverse razze perché non tutte comunicano nello stesso identico modo, quindi ci sarebbe il rischio che non capiscano gli uni i segnali degli altri creando fraintendimenti che possono avere come conseguenza liti e zuffe.

i classi di socializzazione per cani

LE CLASSI DI SOCIALIZZAZIONE SONO PER CANI ADULTI O PER CUCCIOLI?

In realtà, quando si parla di socializzazione nei cani ci si dovrebbe riferire ai cuccioli, perché il periodo in cui etologicamente si sviluppa la socialità va all’incirca dai due ai quattro mesi di età, quindi si tratta di una fase ben definita e piuttosto limitata nella vita dei quattrozampe. Oggi il termine “classi di socializzazione” viene utilizzato però anche in riferimento a cani adulti che sono già necessariamente socializzati (bene o male è un altro discorso), perché hanno superato spesso da parecchio le fatidiche dodici settimane di vita. Ciò non significa che questi momenti di incontro e di addestramento non servano a nulla nei cani adulti; se organizzate e condotte nella maniera giusta possono comunque migliorare la capacità del quattrozampe di avere consapevolezza di sé nella relazione con i suoi simili e servono anche al padrone per imparare ad interpretare il comportamento del proprio cane e capire quali sono i segnali che naturalmente invia e qual è il loro significato, sempre a patto che ci sia un buon addestratore a spiegarglieli.