Cane Groenlandese: carattere, salute, prezzo e allevamenti

0
626

Continuiamo il nostro viaggio nel Grande Nord: parliamo del Groenlandese, uno dei più antichi “cani delle nevi” che conosciamo.

Preparate sciarpa, guanti e cappello: oggi Razze di Cani vi porta al Grande Nord per incontrare una razza davvero artica. Nell’articolo che segue andremo alla scoperta del Groenlandese (potreste trovarlo scritto così “Grunlandshund”), un cane che come è evidente dal nome è nato e si è diffuso in Groenlandia.

Come potete immaginare si tratta di un cane abituato ad una vita frugale, temprato delle temperature proibitive del luogo. La storia di questa razza si intreccia con quella di due paesi: la Groenlandia e la Danimarca. Il groenlandese infatti è originario della prima ma vanta anche un “patrocinio” danese.

È uno dei più antichi “cani delle nevi” che conosciamo. Se pensate che a certe latitudini estreme esista solo l’Husky vi sbagliate. Ci sono razze meno conosciute ma altrettanto affascinanti da scovare al di sotto di certe temperature, come il Malemute oppure la razza protagonista di questa scheda.

Guardando la sua “carta di identità” possiamo dire che  fa parte dei cani di tipo spitz o primitivi. Nel corso dei secoli la razza non si è modificata molto, anzi quasi per nulla, complice il luogo di nascita remoto che non ha coadiuvato particolari “scambi”. Di conseguenza possiamo parlare di una razza pressoché pura, che non ha conosciuto – salvo forse pochissime eccezioni – incroci di alcun tipo.

Andiamo ad illustrare per prima cosa quelle che sono le sue più evidenti caratteristiche fisiche. Il Groenlandese è un cane di taglia grande. Ha una corporatura piuttosto massiccia ma allo stesso tempo tonica e scattante: ha insomma il classifico fisico da traino. La razza infatti ha un solido background come cane da slitta, adattissimo a solcare le nevi portando con sé carichi anche piuttosto onerosi.

Siamo insomma di fronte ad un vero e proprio orso dei ghiacci! Il suo corpo è grossomodo ascrivibile ad un quadrato e nel complesso il cane risulta molto bilanciato ed omogeneo.
Quanto può arrivare a pensare, da adulto, un Groenlandese? Sulla bilancia, questa razza in genere sfiora i 32 chilogrammi, con poca differenza tra maschi e femmine.

Possiamo dire la stessa cosa anche per l’altezza al garrese, che si aggira tra i 55 cm e i 60 cm. La proporzione tra altezza al garrese e lunghezza del corpo deve essere di 10 a 11.Lo stop di questa razza è evidente ma tutto sommato non pronunciato in maniera eccessiva.

Le orecchie hanno la classica forma triangolare smussata. Il tartufo può variare – leggermente – colore in base al mantello dell’esemplare: tendenzialmente quindi non è per forza nero, anzi può assumere tutte le tonalità del marrone, fino ad un colore quasi rossiccio, anche schiarirsi molto.

In questi casi si parla del cosiddetto “winter nose” ovvero il “naso invernale” che assume una colorazione quasi rosata. La mascella e il denti sono molto robusti e dotati di temibile chiusura a forbice. La coda è voluminosa e segue ad arco il busto dell’animale.

Gli occhi sono scuri e abbastanza piccoli, né incavati né sporgenti: la particolare è che siano quasi sempre leggermente obliqui. Il Groenlandese ha ovviamente pelo e sottopelo molto forti, per resistere alle rigide temperature cui è sottoposto: tendenzialmente si tratta di un mano uniforme, se non per il “ricciolo” sulla coda (che sembra un po’ un piccolo cespuglio).

Non richiede un grande lavoro di toelettatura, salvo vogliate partecipare a manifestazioni cinofile. L’andatura è quasi sempre decisa e sostenuta: non dimentichiamo di avere accanto a noi dei cani che sono abituati a vere e proprie maratone nella neve!

Groenlandese: carattere

Pur mantenendo un temperamento “nordico” non troppo affettuoso ed esibizionista, il Groenlandese è davvero un ottimo cane da compagnia. Fedele e leale, questa razza raramente sarà invadente o aggressiva, ma riuscirà a bilanciare discrezione e senso del dovere.

Non è un cane aggressivo né burbero, tuttavia ci tiene molto alla sua indipendenza e alla sua dignità, di conseguenza datagli il rispetto che si merita e lui vi ripagherà con la stessa moneta. In generale meglio non prenderlo di petto ma fargli capire con la giusta dose di pazienza chi è il “capobranco”.

Per il resto si tratta di un cane ligio al lavoro e pressoché infaticabile: il Groenlandese ha infatti molta resistenza. Oltre alla sua vocazione come cane da traino, in passato è stato utilizzato anche come cane da caccia (in questo senso, le prede preferite erano le foche e addirittura gli orsi polari!).

Tuttavia non è particolarmente adatto come cane da guardia, dal momento che “per lavoro” è abituato a cambiare più volt il conducente della sua slitta. Ovviamente un cane del genere non è adatto alla vita d’appartamento. Riesce ad adattarsi a condizioni climatiche un po’ meno rigide ma stare vincolato tra le mura domestica non è certamente l’ideale per un Groenlandese.

Groenlandese: prezzo e allevamenti

Dove procurarsi un esemplare di questa razza così particolare e “lontana”? Certamente non è una passeggiata. Come abbiamo accennato in testa all’articolo, negli anni si è applicato una sorte di “protezionismo” nei confronti di questa razza, che ha portato il Groenlandese a non incrociarsi mantenendosi “puro” ma ovviamente a limitato un po’ la sua diffusione in termini globali.

In Italia ad esempio l’ENCI non registra nemmeno un allevamento in tal senso. Il paradosso è che stiamo parlando di una delle razze più antiche del mondo non ché di una delle più resistenti e longeve! Speriamo che la situazione possa evolversi nei prossimi anni, portando questo “cane eskimese” anche un po’ più lontano dai ghiacci (fermo restando che raramente si troverà bene con un clima Mediterraneo!).

Si tratta di una razza molto resistente, che non mostra particolari problemi di salute. Al massimo qualche difetto estetico (solo in ottica di concorso cinofilo, ad esempio: l’ossatura leggera, l’albinismo, le gambe corte o gli occhi di colore diverso.

Per quanto riguarda i prezzi, questo è uno di quei casi in cui è davvero complesso dare delle cifre, dal momento che la razza è davvero poco diffusa e – possiamo dire – non ha un suo “mercato”. Certamente, qualora riusciste a mettervi in contatto con le persone giuste e trovare degli esemplari certificati, preparatevi ad una spesa non indifferente.

Tuttavia vi portereste in casa un esemplare canino davvero particolare, una razza antica. Volendo citare la celebre serie tv Game of Thrones: un vero “Re del Nord”. Il Groenlandese fa parte dei cani nordici da slitta, perciò potrebbero interessarti anche:

Non fa parte di questo gruppo l’Husky nano, una razza recentissima e non ancora riconosciuta dall’FCI.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here