Cane abbandonato: cosa fare, chi chiamare e consigli su come comportarsi

Ho trovato un cane abbandonato: cosa devo fare?

Abbandonare un cane è un abominio a cui l’uomo non dovrebbe mai abbassarsi e una sofferenza a cui nessun cane dovrebbe mai essere sottoposto. Purtroppo però capita ancora troppo spesso, soprattutto nei mesi delle vacanze estive, che i canili delle varie città italiane registrino un triste aumento nel numero di abbandoni.

Ma cosa dobbiamo fare se troviamo un cane abbandonato? Anzitutto dobbiamo aver chiaro che la separazione forzata dal proprio padrone rappresenta per l’animale un trauma che a volte richiede anni per essere superato, quindi il suo comportamento non sarà certo quello del cane che incontriamo tutti i giorni sotto casa a spasso col proprietario e al quale siamo soliti fare le “feste”.

Il cane abbandonato sarà sicuramente spaventato, disorientato e confuso e difficilmente vorrà farsi avvicinare da noi che, seppur animati dalle migliori intenzioni, in quel momento siamo per lui soltanto degli estranei e potremmo rappresentare ai suoi occhi una minaccia.

È importante quindi non cercare di prenderlo ad ogni costo e non forzarlo in nessuna maniera: se il cane scappa alla vostra vista correndo all’impazzata e non avete modo di raggiungerlo, avvertite subito la Polizia Municipale della zona, che è l’organo competente in materia e ha l’obbligo di intervenire, indicando con precisione il luogo dell’avvistamento, la direzione presa dall’animale in fuga e una sua descrizione il più possibile dettagliata.

Nel caso invece il cane non scappi, pur mantenendo le distanze da voi, armatevi di pazienza perché dovrete cercare di conquistare la sua fiducia: anzitutto assumete un atteggiamento pacato, non fate movimenti bruschi (che spaventerebbero l’animale), parlategli con voce bassa e ferma, accucciatevi così da assumere una posizione rassicurante per il cane e, invece di avvicinarvi a lui, aspettate che sia il cane ad avanzare poco alla volta verso di voi; calcolate che possono volerci anche ore!

Se avete con voi del cibo, offrirglielo può rivelarsi l’arma vincente per attirarlo più vicino. A questo punto, se vedete che il cane ha un collare e una medaglietta, chiamate subito il numero che vi è impresso: potrebbe soltanto essersi smarrito e magari il padrone lo sta cercando disperatamente.

cane abbandonato1

Cane abbandonato: chi chiamare e cosa fare

Quando il cane non ha alcun segno di riconoscimento, potete seguire due strade:

  1. Se volete evitargli il soggiorno in canile e siete disposti ad ospitarlo, dovete comunque avvisare i Vigili Urbani perché l’animale dovrà essere visitato da un veterinario ASL che verificherà, oltre alle sue condizioni di salute, anche l’eventuale presenza di un microchip o tatuaggio di identificazione; se non lo fate potreste rischiare il reato di appropriazione indebita. Dopodiché, lasciati i vostri recapiti all’autorità competente, potrete ottenere l’affido temporaneo del cane per 60 giorni.
  2. Nel caso non abbiate la possibilità di tenerlo con voi, non portatelo direttamente al canile di zona, che non potrà accettare l’animale se non dietro richiesta dell’autorità preposta, quindi chiamate la Polizia Municipale. Dopo qualche giorno contattate il canile per sapere se è stato rintracciato il proprietario; in caso ciò non avvenga entro una settimana, potrete dare il vostro contributo alla ricerca affiggendo volantini con il recapito della persona di riferimento nella zona in cui avete trovato il cane, postando una sua foto, corredata da annuncio di smarrimento, sui principali social e sui siti dedicati al ritrovamento di animali.
  3. Comunicate il ritrovamento anche alle Associazioni in difesa degli animali che operano sul territorio e ai veterinari di zona.

Abbandonare un cane è un reato

È opportuno ricordare che abbandonare un cane è un reato punibile con un anno di reclusione o un’ammenda pari a 10.000 euro, in base al Codice penale, che con la legge 189 del 2004 ha riformato l’articolo 727.

Quindi, nel caso vi troviate ad assistere direttamente ad un abbandono, cercate di annotare ogni dettaglio che possa aiutare a identificare e rintracciare chi si macchia di un reato tanto vile, ad esempio annotando il numero di targa dell’auto, e denunciate subito l’accaduto agli organi di Polizia.

cane abbandonato

Oltre ad essere un atto ignobile, l’abbandono di un animale è anche un costo per la collettività, che pare si aggiri intorno ai 200 milioni di euro all’anno. Stando ai dati forniti dalla LAV (Lega Anti Vivisezione), la permanenza di un cane in canile costa circa 1.000 euro all’anno, il che va moltiplicato per i 200 mila cani ospitati nei canili italiani.