Bari – Cane imprigionato in una buca piena d’olio, salvato da un gruppo di ragazzi: il video

0
99

Si chiama Gina questa povera cagnolina, finita in una buca piena d’olio. Per fortuna alcuni bravi ragazzi sono riusciti a salvarla.

Guaiva disperato con la speranza che qualcuno accorresse in suo aiuto. E per fortuna quattro ragazzi di passaggio nella periferia di Bari hanno sentito quel lamento e sono andati a vedere da dove provenisse: «Non conoscevamo la zona, abbiamo girato tanto: all’inizio pensavamo fosse una bambina» racconta uno di loro.

E dopo oltre un’ora di ricerche i quattro hanno trovato un cane randagio in un capannone abbandonato nelle vecchie acciaierie vicine allo stadio della Vittoria di Bari. Quell’animale, una femmina nota come Gina ai volontari che si occupano dei randagi, era finito in una buca piena di olio e acqua.

I quattro ragazzi hanno dato l’allarme e – come si può vedere nel video – con l’aiuto dei vigili del fuoco la cagnolina è stata salvata e portata dai veterinari che ne hanno riscontrato la buona salute. A raccontare la storia, molto probabilmente l’ennesimo episodio di maltrattamenti nei confronti dei cani randagi della zona, è Peppino Milella, presidente dell’associazione IX maggio di San Girolamo e amante dei quattrozampe: ogni giorno l’uomo verifica che i cani randagi stiano bene, mentre una volontaria distribuisce loro del cibo.

I due si erano insospettiti per la scomparsa di Gina da un paio di giorni. Anche un altro cane non se l’è vista bella: era stato trovato ferito con olio bollente. Ora si spera che entrambi possano trovare una famiglia e dimenticare il loro brutto passato.

Fonte: lazampa.it